Che cos'è viscosa?

Conoscete la viscosa?

veniamo chiesti spesso, cos’è la viscosa, che caratteristiche ha, com’è composta e come si fa a cucire questo tipo di tessuto. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulle domande principali.

 

Viscosa – materia prima

La viscosa è una fibra tessile artificiale estratta dalla cellulosa vegetale.

Come fonte naturale si usa per esempio:

  • eucalipto
  • pino
  • bambù
  • faggio

 Viscosa - materia prima

Dopo il processo chimico di laboratorio si ottiene una fibra che nella sua composizione è paragonabile a quella del cotone.

 

La produzione della viscosa

Il materiale greggio viene decorticato e sminuzzato. La resina e altri additivi non desiderati vengono sgommati. Il prodotto così trattato viene sbianchito e pressato a forma di lastre di cellulosa.

Nel prossimo passo queste lastre vengono scomposti attraverso un processo chimico in forma di fiocchi e così diluiti che alla fine si ottiene una soluzione filabile.

Questa soluzione colloidale viene estrusa; i filamenti che escono dalla filiera formano il filo singolo che viene roccato sulla macchina di filatura. In seguito la rocca viene caricata in cantra del lavaggio e poi questo filo lavato ed asciugato su appositi cilindri a vapore è pronto per le lavorazioni tessili. La viscosa è ideale per essere tinta in varie colori oppure è possibile applicare stampe di qualsiasi tipo. La viscosa è molto modellabile e può avere caratteristiche simili al cotone, alla seta o alla lana e per questo motivo viene spesso usata per creare i tessuti misti.

Il tutto significa che la materia prima di viscosa è naturale al contrario dei tessuti puramente sintetici, come per esempio il poliestere.

 

Caratteristiche della viscosa:

La viscosa è:

  • conveniente
  • non si sporca facilmente
  • può assorbire parecchia umidità (di più del cotone)
  • lascia una sensazione piacevole e morbida alla pelle

 

L’impiego della viscosa:

Potete trovare la viscosa in:

  • tessuti per camicette, abiti e gonne
  • tessuti per intimo e biancheria per la notte
  • foderame
  • sciarpe
  • cravatte

Cura della viscosa:

La viscosa può essere lavata semplicemente con un ciclo delicato a 30-40°. Per favore evitate l’asciugatrice e per stirare usate al massimo la temperatura media.

Tessuti non elastici di viscosa:https://www.alpinschnuller.com/it/141-tessuto-per-camiciettehttps://www.alpinschnuller.com/it/141-tessuto-per-camiciette

Esistono fantastici tessuti non elastici e leggerissimi di viscosa che sono ideali per camicette leggere d’estate. In alternativa sono utilizzabili per creare abiti e gonne altrettanto leggeri. Il vantaggio della viscosa è che è luminoso quasi come la seta, offre colori molto vivaci e brillanti e sulla pelle da la sensazione di freschezza e cade molto bene.

viscosa non elastici

Consigli per la lavorazione di tessuti non elastici di viscosa:

  • il tessuto va lavato e rifinito prima del taglio
  • la rifinitura dipende dal peso del tessuto e può essere fatto con una taglia cuci a due o tre fili.
  • stendete un lenzuolo sotto il tessuto per evitare che scivoli mentre viene tagliato
  • tagliare sempre uno strato solo
  • pezzi piccoli come riporti/ripieghi ecc. possono essere rinforzati prima del taglio, p. es. con Vlieseline H180. Così il taglio risultapiù preciso e più facile
  • usate aghi sottili e cucite a punto dritto
  • stirare dopo ogni passo di cucitura

Tessuti jersey di viscosa

La viscosa, come abbiamo imparato prima, è molto versatile. Perciò può essere lavorata anche come tessuti in jersey proprio fantastici. La particolarità di questi tessuti in jersey di viscosa è la caduta pesante ed elegante. Sulla pella lascia sempre una sensazione piacevole rinfrescante. Questi tessuti jersey sono luminosi e perciò ideali per vestiti estivi o intimo/biancheria per la notte.

 Viskosjersey - Alpinschnuller - Stoffe - Südtirol

Consigli di lavorazione del jersey in viscosa:

 

  • il taglio è più semplice con un cutter a rotella (che non esclude le forbici)
  • stendete il tessuto assolutamente senza pieghe e non fate pendere il tessuto dai bordi del tavolo
  • usate la taglia cuci, differenziale a 1,5-2,0 utilizzando assolutamente aghi adatti per la taglia cuci
  • usando la macchina da cucire classica togliete pressione del piedino, scegliete un punto elastico e – se necessario – mettetene un pezzo di carta forno sotto quando vedete che la macchina fa fatica a trasportare il tessuto.
  • usate aghi jersey con la macchina da cucire